Castagne per diabetici

Per l’alto contenuto di zuccheri complessi, le castagne non sono propriamente l’alimento più consigliato in caso di dieta per una persona diabetica, come tutta la frutta, del resto. Se consumate con moderazione, però, castagne e marroni possono fare la loro comparsa occasionale anche nell’alimentazione di chi soffra di questa particolare condizione.

Le fibre

Il diabete è una malattia nella quale gli zuccheri del sangue sono eccessivi, a causa di un difetto nei livelli di insulina prodotti dal pancreas. L’insulina ha il compito di regolare proprio il livello glicemico e, se questo ormone non è sufficiente, ne consegue un pericoloso innalzamento. Oltre allo zucchero, le persone diabetiche devono prestare attenzione anche al consumo di carboidrati, che altro non sono che zuccheri complessi. Castagne e marroni possiedono un’alta percentuale di carboidrati, tant’è che sono spesso chiamate “pane dei poveri”. Però, possiedono anche una buona quantità di fibre.
Molti frutti possono essere consumati dai diabetici proprio in virtù della presenza di queste fibre, che contribuiscono ad arginare il picco glicemico in fase digestiva.

Tipi di cottura

Sia le castagne che i marroni, quindi, già crudi hanno elevati valori calorici e alto contenuto di carboidrati e zuccheri solubili. Con la cottura, questi valori aumentano, specie al forno ma diminuiscono sensibilmente se si cuociono tramite bollitura. In generale, quindi, mangiare castagne bollite può avere un impatto minore in caso di diabete e di sicuro è preferibile rispetto al consumo di dolci più elaborati. Marrons glacés, marmellata di marroni o altre preparazioni anche salate a base di questi frutti, prevedono l’impiego di zuccheri e carboidrati aggiuntivi che si sommano a quelli già presenti. Tornando alle fibre, sarebbe invece più utile aumentare queste ultime per ridurre l’impatto glicemico delle castagne, magari introducendole in una zuppa con riso integrale.

La farina di castagne

Utilizzata per dolci come il famoso castagnaccio, la farina di castagne ha un indice glicemico abbastanza simile a quello della farina integrale. Il vantaggio di utilizzarla nelle varie preparazioni è, però, soprattutto nella possibilità di non aggiungere affatto lo zucchero, perché è già dolce di suo. Tra le sue proprietà nutrizionali, troviamo anche il magnesio, il potassio, il ferro, il calcio e le vitamine del gruppo B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *